I MISTERI DEL DOLORE (secondo gli scritti di S. Veronica Giuliani)


Pregando questo rosario chiediamo a Santa Veronica Giuliani di accompagnarci ed aiutarci nella contemplazione dell’Immenso Amore di Gesù, che tanto patì per ottenerci la salvezza, senza dimenticare l’amore e il dolore di Maria Santissima. A Loro offriamo le pene nostre e di tutta l’umanità perché anch’esse siano innestate nel Mistero di salvezza. Soprattutto, vogliamo guardare il Signore, trafitto dai nostri peccati, e chiedere perdono per noi e per tutti.

 

+Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria

Nel primo mistero del dolore contempliamo l’agonia di Gesù nell’orto degli Ulivi

 Padre nostro

 

  • Giunto che fu il Signore al monte Oliveto, entrando nell’orto con tre apostoli diede licenza all’orrore dei tormenti e della morte, che entrassero nella Sua innocentissima Umanità; quale subito divenne mestissima, afflitta e in tristezza di morte… Ave Maria
  • nessun conforto veniva somministrato al Signore, anzi… Ave Maria
  • Egli, Sommo Bene, compatendo ai suoi cari figli, si allontanò da loro, perché non Lo vedessero in tanto dolore”. Ave Maria
  • In quell’ora che Egli “faceva orazione nell’orto”, “Gli stavano avanti tutti i patimenti… il calice amaro di tutta la Sua SS. Passione”, Ave Maria
  • nel medesimo tempo, con fare “sacrificio della sua volontà a quella del Suo Eterno Padre, con tutto che sempre fossero stati uno stesso volere”, “si sacrificò per tutti noi”. Ave Maria
  • “In quel punto fu al Suo cuore un dolore sì grande, vedendo la perfida ostinazione di tutti gli ostinati e quanto poco conto avrebbero fatto del suo preziosissimo sangue. Questo fu il dolore principale che Egli patì nel Suo interno”. Ave Maria
  • Allora “l’Eterno Suo Padre Gli fece vedere e sentire in quel punto tutti i patimenti che avevano da patire i suoi Eletti, le anime Sue più care, cioè quelle che si sarebbero approfittate del Suo Sangue e di tutti i patimenti. Ave Maria
  • Egli sentì tanto le pene che questi dovevano patire, che in quel punto”, “cadendo con la faccia a terra, entrò in agonia tale che sudò sangue”. Ave Maria
  • “Vedendo il gran frutto che doveva essere alle anime elette il Suo sangue, lo volle mandar fuori avanti che i flagelli lo percuotessero”. Ave Maria
  • “Questa Sua agonia… l’ebbe sino allo spirare che fece in croce… gli si rinnovò in particolare… quando ebbe il bacio del tradimento da un suo caro discepolo… quando fu consegnato a quei giovani, che facessero di Lui ciò che volevano… quando fu così empiamente (mal)trattato, che le pene e i tormenti che patì non sono noti a creatura nessuna”. Ave Maria

Gloria

 

Nel secondo mistero del dolore contempliamo la flagellazione di Gesù alla colonna 

Padre nostro

  • Gesù, stava legato alla colonna, con quella gran carneficina sopra quel divinissimo Corpo, Ave Maria
  • quei carnefici diedero con i flagelli un colpo nel capo di lui Ave Maria
  • e con essi flagelli gli portarono via tutta la palpebra dell’occhio destro, causandogli dolore di spasimo dentro l’occhio” Ave Maria
  • “Gli portarono via, in più luoghi, pezzi di carne, Ave Maria
  • in specie, tutta la polpa dei bracci tanto che si vedeva l’osso”. Ave Maria
  • “Vedi quanto ho fatto per te?”. Ave Maria
  • “Lo tormentava più l’ingratitudine, che non… i flagelli”. Ave Maria
  • “Non erano le catene né le corde che lo tenevano così legato, ma la volontà del Suo Eterno Padre, così voleva; Ave Maria
  • e stando legato con questo vincolo d’amore, uniforme a quel volere divino, lasciava il suo divinissimo Corpo sotto sì barbara carneficina. Ave Maria
  • Lo tormentava l’amore… lo batteva, lo piagava, lo crocifiggeva!”. Ave Maria

Gloria

 

Nel terzo mistero  del dolore contempliamo la coronazione di spine di Gesù

 Padre nostro

  • “In quel punto fu coronato di spine”, Ave Maria
  • “se noi l’avessimo veduto, in tal patire, saremmo morti di compassione e di dolore, Ave Maria
  • vedendo quel capo coperto di sangue e tutto passato di spine… Ave Maria
  • Le spine che più lo tormentavano, erano quelle che Gli passavano per il cervello, gli occhi e tutte le parti più sensitive … Ave Maria
  • al pari del dolore esterno, fu più grande quello interno”; Ave Maria
  • “i persecutori non si saziavano di tormentarlo… Ave Maria
  • Essi con odio, Egli con amore; Ave Maria
  • essi lo oltraggiavano, con bestemmie ed avvilimenti, ed Egli, con carità ed amore, pregava il Suo Eterno Padre, per tutti noi”; Ave Maria
  • “vedeva non si aveva a far conto di un così grande prezzo del suo sangue. Ave Maria
  • Fra questi ingrati vi ero anch’io; e gli apportavo più tormento io sola, che non tutte quelle spine”. Ave Maria

Gloria

 

Nel quarto mistero del dolore  contempliamo Gesù che sale il Calvario portando la Croce

 Padre nostro

  • Quando portò la croce” Gesù sentiva “il dolore… non solo nella spalla, ma in tutta la vita… nel capo, per la puntura delle spine; nei bracci, per le legature delle corde; nella schiena, per le percosse e gli urtoni che gli davano; nella faccia, per i pugni e guanciate che riceveva; nella bocca, per gli sputi”, “polvere”, “e sporcizie che vi mettevano; nelle gambe e nei piedi, per i calci e bastonate che gli davano”; Ave Maria
  • “chiunque farà qualche cosa – disse Gesù a S. Veronica Giuliani – in memoria di questi patimenti occulti (non conosciuti) gli concederò qual grazia mi domanderanno”. Ave Maria
  • Gesù “non potendo fare un passo, per la pena che sentiva, riversarono sopra di lui (ogni genere di) percosse… Ave Maria
  • ed Esso, come mansueto Agnello… in silenzio… (era) solo ansioso di arrivare al Calvario, per essere ivi crocifisso e morto, per riscatto delle anime nostre”. Ave Maria
  • Durante la “prima caduta che Gesù fece con la croce in spalla, ivi, non vi era Maria Santissima in persona, era lontana; ma con tutto ciò, in spirito, vedeva tutto, sentiva in sé tutte le pene del Figlio”. Maria “quando incontrò il suo Figlio Gesù colla croce”, (patì molto). Ave Maria
  • “Si abbracciarono insieme Figlio e Madre; e quei due cuori trafitti, si unirono in un solo cuore conforme alla divina volontà, e si stabilirono di stare, sino all’ultimo respiro, fermi e disposti al decreto divino; uniformi in volere e tutti attenti alla nostra redenzione. Ave Maria
  • Maria Santissima è stata coadiutrice al suo Figlio Santissimo; tutto ciò che faceva il Figlio, lo faceva lei; tutto ciò che pativa il Figlio lo pativa lei; ma le pene maggiori… erano… quelle che pativano intimamente nell’anima e nel cuore. Ave Maria
  • Vedevano le creature tutte e il poco conto che avrebbero fatto di un prezzo così grande e di tanti meriti infiniti, e quanti e quanti non volevano prevalersene”. Ave Maria
  • “Stando Gesù con un peso così grande sulle spalle sue, non poteva fare un passo, e stava in agonia; perché questa da che l’ebbe nell’Orto quando sudò sangue, non gli si partì mai e stette sempre, in tutta la sua Passione, in agonia, patendo pene così atroci, come è descritto da tutti gli Evangelisti. Ave Maria
  • Noi non possiamo arrivare a penetrare il suo patire”. “Nella terza caduta che fece (Gesù), mentre andava al Calvario, i perversi nemici gli attizzarono addosso i cani, ed uno di essi, gli fece una ferita mortale in un braccio… che si vedeva l’osso”. Ave Maria

Gloria

 

Nel  quinto mistero del dolore contempliamo la crocifissione e  morte di Gesù.

Padre nostro

  • “Arrivato al Calvario, (i carnefici) spogliatolo delle sue vesti, gli rinnovarono tutte le piaghe, e poi, gli cavarono la corona di spine, e gliela rimisero con doppio patire”. Ave Maria
  • “Patì (molto) quando (i suoi crocifissori) rivoltarono la croce sossopra per ribattere i chiodi” “che gli avevano messi nelle mani e piedi”. Ave Maria
  • I crocifissori “misero la croce in quella buca e la calarono giù” “con tale empietà”, “che in quell’istante si rinnovarono nel corpo di Gesù tutte le pene. Ave Maria
  • Si strapparono i nervi”, e “si riaprirono tutte le piaghe”. “Stando sulla croce, il suo Cuore Santissimo provò tutti i tormenti che ebbe l’Umanità Sua, Ave Maria
  • ed anche sentì in sé tutte le pene e i dolori della Sua Santissima Madre; e tutti quelli che dovevano patire i suoi Eletti”. “Mentre stava sulla croce… il maggior patire che (ebbe fu) quell’abbandono interno. Ave Maria
  • Le pene, la croce, i chiodi, erano come delizie al pari delle pene che patì nel suo interno”. Ave Maria
  • “Ebbene che vuoi più di quello che io faccio per te? Eccomi confitto in questa croce, per tuo amore”. Ave Maria
  • “L’Umanità Santissima… stava tutta attenta per offrire per noi tutta se stessa; e con che amore lo faceva! Questo fu tanto ardente, che lo dimostrò in tutto, specialmente però, pregando il Suo Eterno Padre, perché volesse perdonare a quelli medesimi carnefici, con scusargli, che non sapevano che cosa si facessero”. Ave Maria
  • “Sotto la croce… (Maria Santissima patì molto) nel vedere il Suo amato Figlio… pendente in croce. Ave Maria
  • Ella partecipava dei medesimi tormenti, non per via dei carnefici, come Gesù, ma … per via di amore e di dolore … Il Cuore di Gesù, e il Cuore di Maria stavano ambedue uniti in pena ed in amore, e si offrivano a Dio Padre, per tutti noi mortali”. Ave Maria

Gloria

Salve Regina

 (brani tratti dall’opuscolo “La Passione di Gesù alla luce degli scritti di santa Veronica Giuliani” di Don Sabatino Sciorio)

Print Friendly